Storia della Barbabietola

Storia della Barbabietola

La barbabietola fece la sua prima comparsa nella storia, con il nome di 'beta', in alcuni scritti della letteratura greca risalenti al 420a.C. I greci, in questi scritti, la descrivevano come una versatile pianta da giardino e riportavano anche della presenza di diverse varietà chiare e scure.
In Europa, ed anche in Italia, la barbabietola veniva già ampiamente diffusa e coltivata a partire dal XV secolo. All'epoca, la sua coltivazione si ritrovava soprattutto nei monasteri dove delle barbabietole venivano impiegate solamente le foglie; l'utilizzo ed il consumo delle radici arrivò invece in epoche più tarde.
Il grande sviluppo delle colture di barbabietola si ebbe, però, solo con la scoperta dello zucchero che è possibile ricavare dalle sue radici. I primi tentativi e le prime intuizioni a proposito passarono praticamente inosservate; questo è il caso di un agronomo francese che, nel XVII secolo, si accorse che il succo della barbabietola assomigliava straordinariamente allo sciroppo di zucchero; oppure un chimico prussiano, il quale dimostrò, nel 1747, che i cristalli ricavati dal succo di barbabietola erano praticamente identici a quelli ottenuti dalla lavorazione della canna da zucchero.
Dopo queste prime scoperte, fu il turno di uno altro studioso prussiano il quale, finalmente, nel 1801, ebbe la brillante idea di produrre lo zucchero ricavato dalle barbabietole a livello industriale; aprì così, proprio nel suo paese, la prima fabbrica di zucchero di barbabietola.

Durante i primi anni dell'800, lo zucchero di barbabietola rimase comunque un prodotto assai poco diffuso rispetto al prodotto della canna da zucchero. La fortuna di questo nuovo zucchero arrivò anche con le campagne napoleoniche, a causa delle quali si verificò il blocco delle importazioni di zucchero di canna con il conseguente aumento di interesse nei confronti dello zucchero di barbabietola. Nel 1811, alcuni scienziati mostrarono allo stesso Napoleone dello zucchero estratto dalle barbabietole e questi, appoggiandosi al sostegno finanziario di alcuni imprenditori, ne ordinò la coltivazione su una superficie di ben 32000ettari di terreno. Da questo momento, furono sufficienti solo pochi anni perché le fabbriche di estrazione dello zucchero nascessero a centinaia in tutta l'Europa.

Ad oggi, in tutta Europa, si coltivano ben 120milioni di tonnellate di barbabietole, per una produzione complessiva di 16 milioni di tonnellate di zucchero. Tra i maggiori produttori europei spiccano Francia a Germania ed, a parte il Lussemburgo, ogni paese europeo estrae zucchero per il 90% del fabbisogno.

I siti consigliati
Viticoltura : VITICOLTURA .INFO: Il Portale sulla Viticoltura, con indicazioni sulla coltura della vite e in particolare sulla sua potatura. | Ciliegia : CILIEGIA .NET: Il Portale con le informazioni sulla Ciliegia e sulla pianta del Ciliegio; alcune indicazioni sulla proprietà e sulle ricette a base di ciliegia. | Cocomeri : COCOMERI .NET - Il portale dedicato al Cocomero o Anguria, il frutto principe dell'estate, dolce, ricco d'acqua e povero di calorie. Informazioni generali, consigli utili per l'acquisto ed una fresca ricetta. | Frutteti : Il portale dedicato al frutteto, spazio verde adibito agli alberi da frutta. Informazioni generali, consigli per la coltivazione e la raccolta dei frutti. | Mela Cotogna : MELA COTOGNA .IT - Il portale dedicato alla Mela Cotogna, frutto molto antico tuttora molto utilizzato, soprattutto in cucina. Informazioni generali sul prodotto, le sue proprietà nutrizionali e una gustosa ricetta. |
Siti Dove Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio